Uno dei dibattiti più comuni tra i freelance è: quanto far pagare i propri servizi.

Una cosa è certa: l’insicurezza porta sempre a convincerci che nessuno vorrà pagare il prezzo che chiediamo, ma non è così! 

Prendiamo ad esempio un paio di stivaletti: posso comprarli da Zara e pagarli €50, oppure posso comprarli di Prada e pagarli €1000. Esiste un mercato per tutte le fasce di prezzo: l’importante è scegliere il giusto target di clienti. Ovviamente senza sottovalutare il fattore qualità: chi compra gli stivaletti di Prada sa che spenderà moltissimo ma avrà acquistato un prodotto di qualità superiore.

Quando hai deciso i tuoi prezzi devi essere tu il primo a crederci: vali ogni euro che chiedi, ma se non ci credi tu, non ci crederanno nemmeno i tuoi clienti.

Qui sotto, un percorso che ti aiuterà a scegliere il prezzo da chiedere per i tuoi servizi.

Quali servizi offri?

Va bene, questa parte dovrebbe essere facile. Il business è tuo e sicuramente sai che cosa offri ai tuoi clienti. Tutto quello che devi fare è scomporre ogni servizio nei singoli passaggi che lo compongono: dalla richiesta iniziale, alla stesura del contratto, al lavoro vero e proprio, alla consegna.

Quanto tempo impieghi a completare il servizio?

Una volta che hai completato la lista di tutte le fasi che compongono il tuo servizio, scrivi accanto a ciascuna di esse quanto tempo impieghi per svolgerla.

Dopo aver completato questo passaggio, è il momento di capire quanti progetti puoi realisticamente gestire ogni mese. Ad esempio, se impieghi una settimana a completare un progetto, ogni mese potrai svolgerne quattro, non di più.

Attenzione. non dimenticare di calcolare anche del tempo per gestire le questioni interne al tuo business, come occuparti di marketing e pubblicità, tenere il bilancio e curare il tuo network.

La scelta del prezzo

Hai scomposto il tuo servizio in singole fasi e calcolato quanto tempo impieghi per completare ognuna di esse. Ora è il momento di capire che prezzi chiedere.

Puoi calcolarlo in due modi, che ti spiegherò facendo degli esempi:

  1. Vuoi guadagnare €80.000 all’anno, quindi circa €6.667 al mese. Tuttavia vuoi anche fare 4 settimane di vacanza per rilassarti un po’: il tuo stipendio mensile ideale sale a €7.272 (dividi per 11 mesi, non 12). Se impieghi una settimana per ogni progetto, potrai farne quattro ogni mese, ognuno al prezzo di €1.818.
  2. Un altro modo è farsi pagare in base alla quantità delle ore di lavoro. Vuoi guadagnare €30 al giorno e puoi lavorare ad ogni progetto per 6 ore al giorno 5 giorni a settimana. Questo vuol dire uno stipendio giornaliero di €150. Poiché impieghi una settimana a completare ogni progetto, il prezzo sarà di €750 (150×5). Se sceglierai questa seconda modalità, ti consiglio di aggiungere un sovrapprezzo al totale finale per qualunque ritardo o problema tecnico.

Come si può notare i due prezzi sono molto diversi, per questo non dovresti mai compararti con un competitor: non sai con quale modalità ha deciso il prezzo. Ognuno ha diverse esigenze di guadagno, ore di lavoro disponibili e livello di esperienza.

Trasmetti fiducia

Inoltre, considera che possiedi le stesse caratteristiche di un brand. Oltre che alla qualità intrinseca del tuo servizio dovrai trasmettere una elevata qualità percepita e sicurezza. Attraverso la tua pagina il cliente dovrà avere la sensazione di essere davanti ad una persona professionale di cui si può fidare. Le recensioni ricevute in passato ti aiuteranno a perseguire tale obiettivo, quindi svolgi ogni lavoro al meglio. Questo ti consentirà di raggiungere la fiducia del cliente specifico che si tramuterà in una recensione positiva per migliorare la credibilità della tua pagina.