I mutamenti sociali e culturali, uniti al velocissimo sviluppo tecnologico degli ultimi decenni, hanno cambiato inesorabilmente anche il mondo del lavoro.

Oggi, da una parte c’è sempre più bisogno di professionisti specializzati e sempre aggiornati, ma dall’altra, spesso le aziende si trovano ad avere possibilità di assunzione decisamente limitate. Ecco perché molti imprenditori scelgono di lavorare con professionisti freelance, piuttosto che assumere dipendenti fissi.

Innanzitutto il freelancer elimina due tipi di costi: burocratici e operativi. Esempi di costi burocratici sono: 

  • i costi del contratto, che spesso ha bisogno di consulenze specifiche
  • i costi amministrativi legati alla realizzazione delle buste paga
  • i costi amministrativi legati alla gestione del rapporto di lavoro

Ma i costi che fanno veramente la differenza tra un dipendente e un lavoratore freelance sono quelli operativi: formazione, attrezzature, assistenza e aggiornamento. Ovviamente questi costi non vengono completamente tagliati assumendo un freelance: il professionista autonomo terrà conto di queste differenze nel formulare le sue tariffe.

Un altro vantaggio rilevante del lavorare con freelance è la vasta scelta di professionisti e abilità tra cui scegliere.

Ma al di là dei costi aziendali elencati sopra e della maggiore scelta di opzioni, ecco 10 indiscussi benefici dell’affidarti ad un freelance:

1. Grande esperienza

I freelance lavorano a molti progetti diversi, quindi maturano una grande esperienza e hanno tante possibilità di migliorare le loro skills. Inoltre, non essendo dipendenti fissi, hanno sempre bisogno delle referenze dei clienti, quindi tenderanno a fare un lavoro impeccabile e perfetto.

2. Velocità di esecuzione

Sempre per la necessità di ottenere buone recensioni, il freelance farà un lavoro eccellente rispettando perfettamente i tempi richiesti. E’ più che consapevole dell’importanza di superare le aspettative del cliente e rispettare le scadenze. L’obiettivo del freelance è sempre consegnare un lavoro migliore possibile e il prima possibile: quindi non dovrai nemmeno preoccuparti di perdite di tempo come riunioni inutili o pause caffè.

3. Flessibilità oraria

Uno dei motivi principali per cui il freelance decide di lavorare come tale è proprio la flessibilità degli orari. Per esempio, se hai necessità di un social media manager, il momento in cui si hanno maggiori interazioni sui social è proprio alla fine dell’orario di lavoro: il freelance inizierà a lavorare esattamente al momento giusto.

4. Aggiornamento

Al contrario dei lavoratori dipendenti, che basano le loro conoscenze sulla formazione ricevuta dall’azienda, i freelancer sono più ricettivi ai feedback e sempre aggiornati sulle innovazioni del mercato in cui operano.

5. Libertà

Hai la libertà di ingaggiare il freelance esattamente quando ti serve. Una volta finito il lavoro scegli tu se continuare la collaborazione o no.

6. Al passo con i tempi

Il freelance è una figura professionale che vive costantemente nel futuro, sia per passione che per “sopravvivenza”. Infatti, un bravo freelance deve sempre conoscere tutte le nuove tendenze nel suo campo professionale, affinché possa fornire ai suoi clienti idee e lavori all’avanguardia.

Ma non solo: rimanere al passo con i tempi per un freelance significa anche conoscere, prima ancora dei competitor, le competenze richieste dal mercato e adeguarsi attraverso corsi, aggiornamenti e così via. La vita del freelance è sempre in divenire e accompagnata dalla formazione continua.

7. Aperto al confronto

Rispetto a un impiegato che può arrivare a svolgere il proprio lavoro quasi come un automa, il freelance è sempre aperto al confronto e a nuove idee. Il freelance “doc” è quello che svolge il suo lavoro non chiuso in un ufficio, ma in una caffetteria con wi-fi dove chiacchierando con altri professionisti si apre a nuove idee e progetti sempre più stimolanti.

8. Abile con i social network

Saper usare Facebook, Twitter o Instagram oggi vuol dire aprirsi a un nuovo mercato, popolato da miliardi di potenziali clienti. Il bravo freelance sa usare sapientemente i social network per promuovere sia i propri progetti che quelli dei propri clienti. Quindi, in alcuni casi, è quasi come ingaggiare due professionisti al costo di uno solo!

9. Ecosostenibile

Aspetto importante per chi è sensibile ai temi dell’ecologia. Non avendo un ufficio fisso, ma lavorando per lo più dalla propria scrivania, il freelance limita i suoi spostamenti allo stretto necessario, con buona pace delle emissioni di CO2.

10. Problem solving

Qualunque siano le difficoltà che un progetto può presentare, il freelance troverà sempre la soluzione giusta. Come già detto è fortemente motivato ad affrontare qualsiasi problema pur di raggiungere il suo obiettivo, spinto dal bisogno di autorealizzazione ma anche per fare una “bella figura” con il cliente.

Se ti è venuta voglia di iniziare a lavorare con freelance preparati e creativi, prova a cercare il servizio che fa per te su Digitazon.